SEDE PERMANENTE:

 

Spazio E

Alzaia Naviglio Grande, 4  MILANO

Indicativamente, quando ci sono mostre in corso: aperto dal mercoledi al sabato ore 15-19

Domenica ore 11 -19

Ingresso Libero. 

tel. 02.58.10.98.43

 

 

Per informazioni mostre e artisti:

galleria.zamenhof@gmail.com

 

Per acquistare opere degli artisti trattati: cell. 333.80.322.46

 

SEDI ESPOSITIVE CONSOCIATE:

 

Spazio Libero 8

Alzaia Naviglio Pavese,8 - MILANO

 

MUEF Art Gallery

via Angelo Poliziano, 78b - ROMA

 

Galleria del Rivellino

via Baruffaldi, 6 - FERRARA

 

Galleria ItinerArte

Rio Terà della Carità -1046 Dorsoduro  - VENEZIA

 

ZAMENHOF ART in 3 punti e poche parole

 

1. Dal 1998 ad oggi Zamenhof Art ha organizzato oltre 400 mostre a Milano, Roma, Napoli, Torino, Venezia,  Ferrara, Piacenza, Lecce e in tutta Italia e realizzato circa 150 cataloghi d'arte, una decina dei quali con l'Editoriale Giorgio Mondadori.

 

2. Gli spazi gestiti in permanenza, dal 1998 ad oggi, a Milano, sono stati : la Basilica di S. Celso (1999-2002), l'Atelier Chagall (2003-2013), la Galleria Mirò (2005/2006), la Galleria Zamenhof (2008-2013), lo Spazio E (dal 2013). A Torino: la Galleria20 (2013/2014). A Ferrara, 2015-2016 la Camel Home Gallery.

 

3. Tra gli spazi più prestigiosi che hanno ospitato mostre e progetti Zamenhof Art, nel corso degli anni, ricordiamo: Castel dell'Ovo a Napoli (2016), Palazzo Racchetta a Ferrara (2010-2015), Palazzo Zenobio a Venezia (2012), Castello di Carlo V a Lecce (2010, 2011, 2012), Castello Estense di Ferrara (2010), Pinacoteca Civica e Palazzina Liberty di Imperia (2009), Castello Malaspina di Massa (2010), Palazzo Guidobono a Tortona (2012)

 

Pur avendo talvolta (raramente) realizzato mostre o cataloghi di artisti storici o storicizzati (come ad esempio Mario Schifano o Riccardo Licata), l'attività di Zamenhof Art è rivolta principalmente alla promozione di artisti giovani o comunque emergenti, out-siders, selezionati sulla base della qualità e dell'originalità, senza nessuna indulgenza a fenomeni di moda, a ragioni di censo o a clientelismi: artisti che siano capaci di coniugare perizia di esecuzione tecnica e freschezza di idee, tradizione e avanguardia, radici culturali e originalità.

 

UN'IDEA DIARTE CONTEMPORANEA CHIAMATA "ZAMENHOF ART"

 

" Il tempo delle Avanguardie è finito. Si è aperto con l’Impressionismo e si è chiuso con la Transavanguardia. Per oltre un secolo ogni nuova generazione di artisti ha cercato di smarcarsi dalla generazione precedente proponendo una nuova, differente idea di arte contemporanea. Ora tutto questo sembra non funzionare più. Il meccanismo pare inceppato. A partire dal discorso generazionale.

 

Il progetto espositivo ed editoriale che da anni risponde al nome di “Zamenhof Art” mette in luce proprio ciò, presentando, di volta in volta, in contesti diversi e con diversi abbinamenti e articolazioni, una nuova ‘generazione’ di artisti che anzichè inseguire il nuovo a tutti i costi, rinnegando il lascito delle generazioni precedenti, cerca piuttosto di definire un linguaggio comune per l’arte contemporanea, una sorta di “koinè”, facendo tesoro delle ‘invenzioni’ delle Avanguardie, attraverso un paziente, complesso, raffinato processo di sintesi e contaminazioni.
E una prova lampante che un certo ‘meccanismo’ sia saltato balena agli occhi di tutti se si sofferma l’attenzione, senza pregiudizi ideologici, su di un fatto concreto, tangibile, facilmente riscontrabile: da molti anni ormai si è annullato un qualsiasi significativo ‘scarto generazionale’. Non a caso nel selezionare opere e artisti per questo progetto che in definitiva mira a definire al meglio che cosa si intenda per ‘Post-Avanguardia’ si è dovuto sempre necessariamente prescindere da vincoli generazionali. 

 

Per la prima volta, da oltre un secolo a questa parte, artisti di tre generazioni differenti stanno uno accanto all’altro e parlano (più o meno) la stessa lingua. E ad ascoltarla con attenzione ci suona come una lingua nuova e antica allo stesso tempo: inaudita eppure riconoscibile. Originale ma decifrabile". (V.P.)

Siberiana Di Cocco

Siberiana Di Cocco nasce e vive a Pisa. Durante il corso degli studi scientifici si dedica comunque con passione alle attività artistiche: apprende le tecniche del chiaroscuro, della tempera ad acqua, del disegno a china.  Durante gli anni dell’impegno professionale continua ad interessarsi di arte frequentando musei e mostre di arte in Italia ed all’estero e seguendo  il Corso di Storia dell’arte medievale della Prof. Regoli presso la Facoltà di lettere dell’ateneo pisano: particolarmente colpita dalla scultura di Wiligelmo ne trarrà idea per  riprendere la produzione artistica apprendendo l’uso della ceramica. Negli anni 90 dopo lezioni private presso il Prof. Otello Pucci, ceramista pisano e Nirvana Pratali, ceramista viareggina,  frequenta un corso professionale presso lo Studio Giambo di Firenze conseguendo il Diploma di Maestro in Tecniche ceramiche. Divenuta esperta nelle tecniche imprunetine comincia una produzione personale con la quale partecipa a numerose collettive. In anni recenti  per esprimere la propria creatività  comincia a far uso di materiali nuovi quali siliconi,, stoffe, resine , cineserie con cui realizza  quadri ed istallazioni : si intensifica così la sua attività espositiva in Italia ed all’estero con collettive e personali .

Partecipa a diversi concorsi: nel 2008  con l’opera “Evoluzione” vince il Concorso “Un gonfalone per l’arte” indetto dal Comune di Firenze; è artista selezionato e finalista ai concorsi “Il segno” presso la Galleria Zamenhof di Milano,  finalista alla Biennale d’arte di Trani. Vincitrice Premio Nobel  Montecarlo  di ArtExpò gallery, Premio speciale della giuria al  1° Concorso Effetto arte,  Premio Nettuno di Italia in arte, Premio Van Gogh della EA ed. Palermo, Premio Spartacus per i diritti umani di Italia in arte Lecce

Alcune mostre a cui ha partecipato negli ultimi anni: 2007 – Ferrara – Castello estense – Collettiva  “I quattro elementi”; 2007 – Alessandria – Banca sella – Collettiva  “I cerchi appesi”; 2008 – Ferrara – Galleria Sekanina – Collettiva “Arte facta”. 2008 – Pisa – Limonaia Ruschi – Collettiva “Immateria”; 2008 -  Firenze – Quartiere 1  - Collettiva “Un gonfalone per l’arte”; 2008 – Pisa – Cinema Lumière Personale “Cina: scatti di viaggio”; 2008 – Firenze – Ex Murate – Collettiva “Scatole d’artista”; 2008 – Rieti – Palazzo Marcotulli – Collettiva “Volo a tela”; 2008 – Forte dei Marmi – Fiera arte contemporanea – Ambre italia. 2008 -  Ferrara – Galleria Lovetti – Personale; 2008 – Novara – Ambre italia – Collettiva “In orbem”; 2008 – Pisa – Cinema Lumière – Personale”Suggestioni dalla Cina”; 2009 -  Marina di Massa – APT – Collettiva “In orbem”; 2009 – S. Stefano Belbo – Emmediarte - Personale: Materia e colore; 2009 – Alessandria – Fond. S. Giorgio Scarampi Personale: Materia e colore; 2009 – Novi Ligure – Museo campionissimi – Coll. “La bicicletta incantata”; 2009 – Trani – Castello Svevo – Fondazione De Nittis Biennale arte contemporanea; 2009 – Forte dei marmi – Fiera arte contemporanea – Coll. Proponendo; 2009 – Impruneta (Fi) – Ass. Art-Art Collettiva: Cotto d’artista. 2009 – Milano, Venezia, Ferrara – L’Altrove, Calcagno: Bianco, nero, rosso, blu; 2009 –  Barletta – Fond. De Nittis Biennale arte contemporanea: artista selezionato; 2009 – Ravenna – Circoscrizione 2 – Studio 7 - Collettiva: Isolina e le altre… ; 2010 –  Milano – Galleria Zamenhof – Collettiva: La materia è il colore; 2010 – Milano  - Archigallery : Il caffè e l’arte; 2010 – Milano – Emmediarte –Coll.: “(forme) e colori”; 2010 –  Treviso – Web art gallery – Coll.:” (forme) e colori”; 2010 – Massa – Castello Malaspina -  Gall. Zamenhof “Post avanguardia”; 2010 – Novi Ligure (Al) – Museo campionissimi Coll. “La Corsa”; 2010 – Forte dei marmi – Proponendo Coll. “Semplicemente rosso”; 2010 – Milano – Galleria Zamenhof Concorso “Il segno”: finalista.  2010 – Konstanz (D) – Burgersaal – Emmediarte: Arte contemporanea italiana; 2010 – Ferrara – Galleria L’Altrove – Personale “5 sensi e un po’ di più”; 2010 – Napoli – Castel dell’Ovo – Galleria Gust’arte -  Coll. “Il gusto dell’arte”; 2010 – Carrara – Fiera arte contemporanea – Ambre italia : collettiva; 2010 – Pontedera (PI) – Carr. Rizieri – Collettiva”L’aria finalmente libera”; 2010 – Rieti – Lungovelinocaffè – Personale: “Pelle d’artista”; 2010 – Rieti – Studio 7 – “6a giornata del contemporaneo” :Personale; 2010 – Gavi (Al) – Spazio d’arte Corte Zerbio – Personale; 2010 – Pisa – Fond. Stella maris – Personale “Passioni insolite”; 2010 – Lecce – Castello Carlo V – Galleria Zamenhof: Post avanguardia; 2010 – Ferrara – Biennale arte contemp. Chiostro S. Anna – Galleria Zamenhof; “Post pop : cattivi soggetti”; 2010 – Lendinara (RO) – Ambre italia  -  Coll. “Semplicemente rosso”; 2011 – Pontedera (PI) – Galleria LIBA – Personale; 2011 – Milano – Galleria Zamenhof – Personale; 2011 – Carrara Fiere – Giorni d’arte – Coll.”Semplicemente acqua”. 2011 – Lendinara Rovigo _ Coll. “Semplicemente acqua”; 2011 – Milano – Galleria Zamenhof  - Concorso Il Segno:  Finalista; 2011 – S.Maria Navarrese (Nuoro) – Galleria Lanthia resort: collettiva; 2011 – Siena – Siena art institut – Coll “Drawing connections”; 2011 – Novi ligure (AL) - Museo campionissimi – Personale; 2011 -  Fratta Polesine  - Villa Badoer –Coll. “ Micro macro”. 2011 – Parigi – Gallerie Thuillier –  Coll. “Creazioni”; 2012 – Silistra (Bulgaria) – Ist.italiano cultura – Coll.  “Colori d’Italia”; 2012 -  Taglio di Po (Rovigo) Museo della bonifica Coll.“Don’t be alone” ; 2012 – Caerano di S. Marco (TV) Villa Benzi Zecchini  Coll. “Incontri d’arte” ; 2012 – Venezia – Palazzo Zenobio – Coll. “Post avanguardia” ; 2012 –  Venezia – Palazzo Zenobio – Coll. “Tra Penelope ed Arianna” ; 2012 – Milano – Atelier Chagall – Coll. “Tra Penelope e Arianna”. 2012 – Milano – Galleria Zamenhof  Coll. “Koinè” ; 2012 – Ferrara – Galleria l’Altrove : Personale “Nuove scoperte, nuovo mondo”; 2012 – Venezia – Palazzo Zenobio -Coll. “La via italiana all’Informale”; 2012 – Monaco – Hotel de Paris – Coll “Premio Montecarlo” ArtExpò; 2012 – Ferrara – Castello Estense – “Arte contro la violenza”; 2012 – Amsterdam – Premio Amsterdam EA Editore Collettiva; 2013 – Palermo – I Biennale d’arte : Vialla Malfitano; 2013 – Palermo – I  Biennale  d’arte : “40 artisti al Teatro Politeama”; 2013 – Parigi – Spazio espositivo OFI Asset Management :  Personale; 2013 – Ferrara – Palazzo della  Racchetta Collettiva La via italiana all’informale; 2013 – Montecarlo (Monaco) – Collettiva  Artgallery  Hotel de Paris.