ZAMENHOF ART

galleria.zamenhof@gmail.com

WHATSAPP e CELLULARE 3392939712

 

SEDI ESPOSITIVE PERMANENTI:

Vi.P. Gallery

Valcamonica

Virgilio Patarini

Arte Contemporanea

Località Crist, via Nazionale, 35, 25050 Niardo (BS)  

Aperta  sabato e domenica h11-19. 

Altri giorni su appuntamento.  

Ingresso Libero. 

Cell. 3392939712; E-mail: galleria.zamenhof@gmail.com

Pagina Facebook

https://www.facebook.com/Vip-Gallery-Virgilio-Patarini-Arte-Contemporanea-

Galleria ItinerArte - Vi.P. Gallery Venezia

Rio Terà della Carità -1046 Dorsoduro  - VENEZIA

(dal 1 settembre 2021)

Aperto dal martedi al sabatoì ore 17-20- Domenica ore 16 -19  Ingresso Libero. Cell. 3392939712; E-mail: galleria.zamenhof@gmail.com

Pagina Facebook:  

 https://www.facebook.com/Vi.P.GalleryZamenhofArt/

Museo di Nadro e Riserva Naturale Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardp (BS)

DAL 6 SETTEMBRE 2021 in collaborazione con ArchExperience

Spazi espositivi a Nadro (Ceto) in via Piana 29 e in via Piana 42-

Aperto tutti i giorni dalle 9 alle 16 (orario invernale: fino alle 17 in estate)

tel 0364 433465

Vi.P. Gallery

Milano  Virgilio Patarini

Arte Contemporanea

Alzaia Naviglio Grande, 4  MILANO

CHIUSA DAL 1 SETTEMBRE 2021 Cell. 3392939712; E-mail: galleria.zamenhof@gmail.com

Pagina Facebook: 

 https://www.facebook.com/Vi.P.GalleryZamenhofArt/

IL NET-WORK

GALLERIE E SPAZI con cui ZAMENHOF ART e VI.P. GALLERY collaborano stabilmente

MUEF Art Gallery

via Angelo Poliziano, 78b - ROMA

Direzione artistica: Francesco Giulio Farachi, in collaborazione con Roberta Sole

SPAZIO EDEN Cislago

via Vittorio Veneto, 241 - Cislago (VAAss. Cult. A Est dell'Eden

Direzione artistica: Valentina Carrera, in collaborazione con Alessandro Baito

E inoltre:

Museo CaMus di Breno (BS) 

Museo Le Fudine di Malegno (BS) 

Torre Medievale di Cividate Camuno (BS)

e altre realtà in Valcamonica

(vedi pagina dedicata alla Biennale della Valcamonica)

ZAMENHOF ART in 3 punti e poche parole

 

1. Dal 1998 ad oggi Zamenhof Art ha organizzato oltre 400 mostre a Milano, Roma, Napoli, Torino, Venezia,  Ferrara, Piacenza, Lecce e in tutta Italia e realizzato circa 150 cataloghi d'arte, una decina dei quali con l'Editoriale Giorgio Mondadori.

2. Gli spazi gestiti in permanenza, dal 1998 ad oggi, a Milano, sono stati : la Basilica di S. Celso (1999-2002), l'Atelier Chagall (2003-2013), la Galleria Mirò (2005/2006), la Galleria Zamenhof (2008-2013), lo Spazio E (dal 2013). A Torino: la Galleria20 (2013/2014). A Ferrara, 2015-2016 la Camel Home Gallery. 

3. Tra gli spazi più prestigiosi che hanno ospitato mostre e progetti Zamenhof Art, nel corso degli anni, ricordiamo: Castel dell'Ovo a Napoli (2016), Palazzo Racchetta a Ferrara (2010-2015), Palazzo Zenobio a Venezia (2012), Castello di Carlo V a Lecce (2010, 2011, 2012), Castello Estense di Ferrara (2010), Pinacoteca Civica e Palazzina Liberty di Imperia (2009), Castello Malaspina di Massa (2010), Palazzo Guidobono a Tortona (2012)

 

Pur avendo talvolta (raramente) realizzato mostre o cataloghi di artisti storici o storicizzati (come ad esempio Mario Schifano o Riccardo Licata), l'attività di Zamenhof Art è rivolta principalmente alla promozione di artisti giovani o comunque emergenti, out-siders, selezionati sulla base della qualità e dell'originalità, senza nessuna indulgenza a fenomeni di moda, a ragioni di censo o a clientelismi: artisti che siano capaci di coniugare perizia di esecuzione tecnica e freschezza di idee, tradizione e avanguardia, radici culturali e originalità.

 

UN'IDEA DI ARTE CONTEMPORANEA CHIAMATA "ZAMENHOF ART"

 

" Il tempo delle Avanguardie è finito. Si è aperto con l’Impressionismo e si è chiuso con la Transavanguardia. Per oltre un secolo ogni nuova generazione di artisti ha cercato di smarcarsi dalla generazione precedente proponendo una nuova, differente idea di arte contemporanea. Ora tutto questo sembra non funzionare più. Il meccanismo pare inceppato. A partire dal discorso generazionale.

Il progetto espositivo ed editoriale che da anni risponde al nome di “Zamenhof Art” mette in luce proprio ciò, presentando, di volta in volta, in contesti diversi e con diversi abbinamenti e articolazioni, una nuova ‘generazione’ di artisti che anzichè inseguire il nuovo a tutti i costi, rinnegando il lascito delle generazioni precedenti, cerca piuttosto di definire un linguaggio comune per l’arte contemporanea, una sorta di “koinè”, facendo tesoro delle ‘invenzioni’ delle Avanguardie, attraverso un paziente, complesso, raffinato processo di sintesi e contaminazioni.

E una prova lampante che un certo ‘meccanismo’ sia saltato balena agli occhi di tutti se si sofferma l’attenzione, senza pregiudizi ideologici, su di un fatto concreto, tangibile, facilmente riscontrabile: da molti anni ormai si è annullato un qualsiasi significativo ‘scarto generazionale’. Non a caso nel selezionare opere e artisti per questo progetto che in definitiva mira a definire al meglio che cosa si intenda per ‘Post-Avanguardia’ si è dovuto sempre necessariamente prescindere da vincoli generazionali. 

Per la prima volta, da oltre un secolo a questa parte, artisti di tre generazioni differenti stanno uno accanto all’altro e parlano (più o meno) la stessa lingua. E ad ascoltarla con attenzione ci suona come una lingua nuova e antica allo stesso tempo: inaudita eppure riconoscibile. Originale ma decifrabile". (V.P.)

Zamenhof Art

Virgilio Patarini e Valentina Carrera a Palazzo della Racchetta, Ferrara
Virgilio Patarini e Valentina Carrera a Palazzo della Racchetta, Ferrara

Presentazione e Storia dell’Associazione

 

L’associazione viene fondata nel 2009 da Virgilio Patarini, Valentina Carrera e altri 4 soci fondatori, raccogliendo l’eredità (e per alcuni anni affiancandone le attività) dell’Associazione Culturale Apollo e Dioniso diretta dalla nascita da Patarini stesso, nel 1998, e poi in tandem con Valentina Carrera dal 2001, associazione che dal settembre 1999 al maggio 2002 ha gestito la Basilica di San Celso a Milano (basilica di prima del Mille d.c. non adibita al culto) organizzando e promuovendo un fitto calendario di eventi artistici e culturali: mostre, spettacoli, concerti, conferenze, presentazione di libri in rassegne tematiche multidisciplnari. E poi organizzato mostre ed eventi, rassegne, aperto una galleria, e molto altro

E sono proprio queste due caratteristiche, ossia l’utilizzo e la valorizzazione di spazi storici e/o museali e l’organizzazione di rassegne multidisciplinari, entrambe ereditate da Apollo e Dioniso, a caratterizzare anche l’attività di Zamenhof Art, accanto alla gestione temporanea o permanente di gallerie d’arte contemporanea e all’organizzazione di mostre itineranti (da Milano a Roma, Venezia, Torino, Ferrara, Lecce, ecc.)

 

Qui di seguito le principali mostre o rassegne organizzate in Palazzi Storici e in Spazi Museali fin dal primo anno di attività ufficiale di Zamenhof Art.

 

Alla Pinacoteca Civica e alla Palazzina Liberty d’ Imperia, dal 17 luglio al 2 agosto 2009: la mostra “Oltre la realtà”. A cura di Virgilio Patarini, con la collaborazione Valentina Calzia. 22 artisti in mostra. Catalogo Apollo e Dioniso Edizioni. Sempre alla Pinacoteca Civica d’ Imperia, dal 29 gennaio al 14 febbraio 2010: “Abstract”. A cura di Valentina Calzia e Virgilio Patarini. 34 artisti in mostra. Catalogo Apollo e Dioniso Edizioni. E dal 22 aprile al 5 maggio 2010: “Mimesis”. A cura di Valentina Calzia, Carlo Catiri e Virgilio Patarini. 60 artisti in mostra. Catalogo Apollo e Dioniso Edizioni.

Al Castello Estense di Ferrara, dal 22 al 30 maggio 2010: “Post-Avanguardia”. A cura di Virgilio Patarini e Paolo Levi. 57 artisti in mostra con 3 opere ciascuno. Catalogo Editoriale Giorgio Mondadori in tre volumi: Post-Avanguardia, La Materia è il Colore (sic), Terza Dimensione.

Al Castello Malaspina di Massa, dal 4 al 26 settembre 2010: “Post-Avanguardia”. Idem c.s.

Al Castello di Carlo V di Lecce, dal 30 ottobre al 4 dicembre 2010: “Post-Avanguardia”. Idem c.s.

Al Chiostro di Sant’ Anna a Ferrara, dal 6 al 15 novembre 2010: “Arcaico Contemporaneo” (sezione della V Biennale di Ferrara). A cura di Virgilio Patarini, con la collaborazione di Rosamaria Desiderio. 8 artisti in mostra con 10 opere ciascuno. Catalogo Editoriale Giorgio Mondadori.

Al Chiostro di Sant’ Anna e al Salone di San Francesco a Ferrara, dal 16 al 25 novembre 2010: “Dissolvenze incrociate” (sezione della V Biennale di Ferrara). A cura di Virgilio Patarini, con la collaborazione di Rosamaria Desiderio. 12 artisti in mostra con 10 opere ciascuno. Catalogo Editoriale Giorgio Mondadori.

Al Chiostro di S. Anna, dal 11 al 22 dicembre 2010: “Post-Pop: cattivi soggetti”. (sezione della V Biennale di Ferrara). A cura di Virgilio Patarini, con la collaborazione di Cristina Stashkevich. 12 artisti con 5 opere ciascuno. Cat. Mondadori.

Al Salone San Francesco a Ferrara, dal 5 al 13 dicembre 2010: “Ut Poesi Pictura” (sezione della V Biennale di Ferrara). A cura di Virgilio Patarini, con la collaborazione di Rosamaria Desiderio e Cristina Stashkevich. 23 artisti in mostra con 3 opere ciascuno. Catalogo Editoriale Giorgio Mondadori.

Al Palazzo della Racchetta, a Ferrara, dal 2 al 7 aprile 2011: “Arte come forma poetica”. A cura di Rosamaria Desiderio, Virgilio Patarini, Cristina Stashkevich. 47 artisti in mostra con 3 opere ciascuno. Catalogo Editoriale Giorgio Mondadori (V Biennale di Ferrara).

Al Castello di Carlo V a Lecce, dal 18 ottobre al 20 novembre 2011: “Orizzonti di attesa”. A cura di Valentina Carrera e Virgilio Patarini. 9 artisti in mostra con 10 opere ciascuno

A Palazzo Guidobono, Tortona (PV), dal 19 marzo al 9 aprile 2012: “Labirinti di legno”. A cura di Virgilio Patarini, Valentina Carrera e Barbara Vincenzi. 21 artisti in mostra con 4 opere ciascuno.

Ala Castello di Carlo V a Lecce, dal 20 luglio al 4 agosto: “Selection Comparaisons – 88 artisti dal Grand Palais di Parigi”, a cura di Izabella Lubiniecka e Virgilio Patarini, sotto l’egida di Paul Alexis, presidente del “Salon Comparaisons” e di “Art en Capital” di Parigi, e con la collaborazione di Michèle Destarac, Jean Jacques Lapoirie, Neuville, Anne Moser e Chantal Roux.  Catalogo Zamenhof Art

A Palazzo Zenobio a Venezia, da 4 agosto al 30 ottobre 2012: Rassegna “Prospettiva Post-Avanguardia”. A cura di Valentina Carrera, Virgilio Patarini e Barbara Vincenzi. Con la collaborazione di Alessandro Baito, Valerio Grimaldi e Izabella Lubiniecka. (30 mostre, oltre 300 artisti, migliaia di opere esposte nei 3 mesi). Catalogo Edizioni Zamenhof Art. Tra le mostre più significative: “Selection Comparaisons – 88 artisti dal Grand Palais di Parigi” e la personale di Riccardo Licata.

Alla Rocca Viscontea di Lacchiarella (MI), dal 30 novembre al 12 dicembre 2013: “Di ruggine e di luce”, mostra personale di Virgilio Patarini a cura di Michele Govoni; dal 14 al 23 dicembre 2013: “La via italiana all’Informale: ultime tendenze”, a cura di Virgilio Patarini, catalogo Mondadori (una selezione di opere di 9 artisti); dal 18 giugno al 4 luglio2014: “Koinè 2014”, a cura di Virgilio Patarini (opere di 42 artisti).

A Palazzo della Racchetta, Ferrara, nel gennaio 2013: “La via italiana all’Informale: ultime tendenze”, a cura di Virgilio Patarini, catalogo Mondadori (30 artisti in mostra); a marzo 2013: “Koinè 2013” a cura di Valentina Carrera e Virgilio Patarini, catalogo Zamenhof Art (40 artisti in mostra); aprile 2013: “Bereshit”, mostra personale di Valentina Carrera, a cura di Alessandro Baito, catalogo Mondadori; dal 29 giugno al 14 luglio 2013: “Dramatis Personae- prima parte”, a cura di Virgilio Patarini, catalogo Mondadori (30 artisti); dal 20 al 27 settembre 2013: Premio Il Segno, 200 artisti selezionati, catalogo Zamenhof Art; dal 1 al 13 novembre 2013: “Dramatis Personae- seconda parte”, a cura di Virgilio Patarini, catalogo Mondadori (16 artisti); dal 16 al 28 novembre 2013: “Dramatis Personae- terza parte”, a cura di Virgilio Patarini, catalogo Mondadori (16 artisti) e contemporaneamente, in un’altra sala: “Viaggio in Italia”, catalogo Zamenhof Art (6 artisti).

Sempre a Palazzo Racchetta, dal 14 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014: “Selection Comparaisons – 44 artisti dal Grand Palais di Parigi”, a cura di Virgilio Patarini, sotto l’egida di Paul Alexis, presidente del “Salon Comparaisons” e di “Art en Capital” di Parigi, e con la collaborazione di Michèle Destarac, Jean Jacques Lapoirie, Neuville, Anne Moser e Chantal Roux.  Catalogo Zamenhof Art, fotografie di Giuseppe Tassinari.

A Palazzo della Racchetta e in altri luoghi a Ferrara, dal 24 maggio al 3 ottobre 2014: “Ferrara Art Festival”, a cura di Virgilio Patarini, con la consulenza e la collaborazion di Jean Jacques Lapoirie, Lyudmila Vasilieva, Marija Voznyuk, Alessandro Baito, Valentina Carrera, Vittoria Triglione e con il Patrocinio del Comune e della Provincia di Ferrara (30 mostre, 180 artisti tra italiani e stranieri, 22 serate tra concerti, spettacoli e presentazione di libri: 8000 presenze in 100 giorni). Catalogo Editoriale Mondadori.

Nel Complesso Architettonico Museale “Ricci Oddi” di Piacenza, dal 18 ottobre al 28 novembre 2014: “Piacenza Art Festival” (6 mostre, 3 spettacoli, gemellato col “Ferrara Art Festival”), a cura di Virgilio Patarini, catalogo Zamenhof Art-

Ancora a Palazzo della Racchetta , dal 13 al 29 marzo 2015: “Trans-Figurazione”, a cura di Virgilio Patarini, catalogo Zamenhof Art (11 artisti).

Al Giardino delle Duchesse, a Palazzo Racchetta e in altri luoghi a Ferrara, dal 6 giugno al 2 agosto 2015: “Ferrara Art Festival”, seconda edizione, direzione artistica di V. Patarini, catalogo Zamenhof Art (22 mostre, 10 concerti, 4 spettacoli, 11 presentazioni di libri; 7000 visitatori in 70 giorni).

A Castel dell’Ovo, Napoli, dal 16 gennaio al 14 febbraio 2016: Progetto “Dramatis Personae: il volto e la figura nell’arte italiana contemporanea”, a cura di Virgilio Patarini, Catalogo Editoriale Giorgio Mondadori. Mostra collettiva di 20 artisti e 9 mostre personali in contemporanea.

Alle Grotte del Boldini, Ferrara, dall’11 al 31 luglio 2016: “Underground Art Festival”.

 

Parallelamente, dal 2008, l’Associazione Zamenhof Art ha gestito in maniera continuativa, due gallerie d’arte a Milano: l’Atelier Chagall in Alzaia Naviglio Grande, 4 (fondata da Carrera e Patarini nel 2003 e gestita nei primi anni con Apollo E Dioniso) e la Galleria Zamenhof, in via Zamenhof, 11 (quest’ultima fino al 2013).

Dal 2015 l’associazione Zamenhof Art ha stabilito rapporti di collaborazione stabili e continuativi con altre due gallerie di Roma e di Venezia: la Muef Art Gallery di via Poliziano, 78b a Roma e la Galleria ItinerArte di Venezia, Dorsoduro 1046, per cui molte delle mostre e degli eventi ideati e inaugurati a Milano sui Navigli vengono poi sistematicamente portati a Roma e a Venezia, oltre ad una serie di mostre ed eventi ideati direttamente ed esclusivamente per Roma e soprattutto per Venezia. Tale assidua collaborazione, accanto alla fitta programmazione di mostre ed eventi nella galleria sul Naviglio Grande a Milano, costringe a ridurre progressivamente le mostre e gli eventi in altri luoghi.

Per la galleria di Venezia ad esempio sono stati ideate e organizzate due rassegne particolarmente articolate e significative, con mostre, spettacoli, concerti e presentazione di libri: “Aspettando la Biennale”, nel 2017 e nel 2019, e “Aut-Out Of-f Biennale” nel 2017.

Nel settembre 2018 viene inaugurata la “Vi.P. Gallery Valcamonica- Virgilio Patarini Arte Contemporanea”, un grande spazio espositivo (220 metri quadrati di sale oltre ad un giardino per sculture e installazioni di circa 600 metri quadrati) e nel settembre 2019 la galleria sul Naviglio Grande cambia nome diventando “Vi.P. Gallery Milano”, per sottolineare il legame tra le due realtà.

 

Dal 15 agosto al 30 settembre 2020 Zamenhof Art organizza in Valcamonica la rassegna “Set Amò if? Artisti di Brescia e Bergamo: segni e segnali di presenza”: 150 opere, 15 artisti, 10 mostre, 5 spettacoli e concerti in vari luoghi tra cui il Museo di Nadro (Ceto), l’Anfiteatro Romano di Cividate Camuno, la Vi.P. Gallery Valcamonica (Niardo), l’Arboreto Alpino “Gleno” di Vilminore di Scalve e altri luoghi non convenzionali.

 

Dal 5 marzo al 4 luglio 2021 sempre in Valcamonica (BS) la Rassegna “Siamo Ancora Vivi!” con 50 artisti da tutta Italia, oltre 300 opere esposte e una serie di eventi, spettacoli, concerti in 17 sedi differenti tra cui il Museo di Nadro, Il Museo CaMus di Breno, la Casa Museo di Cerveno, la Città Della Cultura di Capo di Ponte, Il Castello di Cimbergo, il Percorso della Memoria di Paspardo, il Ponte Romano di Incudine, ecc..E da 14 agosto al 31 ottobre 2021 Arcaico Contemporaneo, una vera e propria Biennale d'arte in Valcamonica coinvolgendo ben 22 spazi espositivi di cui 11 tra gallerie e Musei.

 

Dal 1 settembre 2021 si chiude la Vi.P. Gallery Milano sul Naviglio Grande  e si apre contestualmente la Vi.P. Gallery Venezia, negli spazi della Galleria ItinerArte, accanto alle Gallerie dell'Accademia.

 

Nuovo Comitato di Direzione artistica e operativa

della Associazione Culturale Zamenhof Art (insediato dal 1 maggio 2021)

 

Presidente, legale rappresentante e direttore artistico:

Virgilio Patarini

 

Vicepresidente: 

Eliza Winkler

   (coordinamento generale, relazioni esterne, eventi, allestimenti, archeologia sperimentale)

 

Soci membri del Comitato Direttivo 

   (e settori di competenza):

Luca Morzenti 

   (editoria, comunicazione, relazioni esterne, eventi, musica)

Valentina Carrera 

   (arte, eventi, fotografia, laboratori)

Alessandro Baito 

   (teatro, letteratura, laboratori)

Sergio Scorzillo 

   (teatro, letteratura, musica)

 

Quadri di Crini, installazione di Azzurrini
Quadri di Crini, installazione di Azzurrini

Una sala di Palazzo Guidobono a Tortona durante la mostra "Labirinti di legno", 18 marzo - 9 aprile 2012

In p.p. a dx: opere di Paolo Facchinetti
In p.p. a dx: opere di Paolo Facchinetti

Uno scorcio del Castello di Carlo V a Lecce con l'allestimento della mostra "Orizzonti di attesa", 18 ottobre - 20 novembre 2011

Opere di Palmisano e Bellagamba
Opere di Palmisano e Bellagamba

Uno scorcio delle sale interne del castello Malaspina di Massa durante la mostra "Post-Avanguardia" nel settembre 2010