ZAMENHOF ART

galleria.zamenhof@gmail.com

WHATSAPP e CELLULARE 3392939712

 

SEDI ESPOSITIVE PERMANENTI:

Vi.P. Gallery

Valcamonica

Virgilio Patarini

Arte Contemporanea

Località Crist, via Nazionale, 35, 25050 Niardo (BS)  

Aperta  sabato e domenica h11-19. 

Altri giorni su appuntamento.  

Ingresso Libero. 

Cell. 3392939712; E-mail: galleria.zamenhof@gmail.com

Pagina Facebook

https://www.facebook.com/Vip-Gallery-Virgilio-Patarini-Arte-Contemporanea-

Vi.P. Gallery

Milano  Virgilio Patarini

Arte Contemporanea

Alzaia Naviglio Grande, 4  MILANO

Aperto dal martedi al venerdì ore 15,30-18,30 (orario invernale, estivo h16-19). Sabato e Domenica ore 11 -19  Ingresso Libero. Cell. 3392939712; E-mail: galleria.zamenhof@gmail.com

Pagina Facebook: 

 https://www.facebook.com/Vi.P.GalleryZamenhofArt/

IL NET-WORK

GALLERIE E SPAZI con cui ZAMENHOF ART e VI.P. GALLERY collaborano stabilmente

Galleria ItinerArte

Rio Terà della Carità -1046 Dorsoduro  - VENEZIA

Gallerista: Maria Novella Dei Carraresi

MUEF Art Gallery

via Angelo Poliziano, 78b - ROMA

Direzione artistica: Francesco Giulio Farachi, in collaborazione con Roberta Sole

SPAZIO EDEN Cislago

via Vittorio Veneto, 241 - Cislago (VAAss. Cult. A Est dell'Eden

Direzione artistica: Valentina Carrera, in collaborazione con Alessandro Baito

ZAMENHOF ART in 3 punti e poche parole

 

1. Dal 1998 ad oggi Zamenhof Art ha organizzato oltre 400 mostre a Milano, Roma, Napoli, Torino, Venezia,  Ferrara, Piacenza, Lecce e in tutta Italia e realizzato circa 150 cataloghi d'arte, una decina dei quali con l'Editoriale Giorgio Mondadori.

2. Gli spazi gestiti in permanenza, dal 1998 ad oggi, a Milano, sono stati : la Basilica di S. Celso (1999-2002), l'Atelier Chagall (2003-2013), la Galleria Mirò (2005/2006), la Galleria Zamenhof (2008-2013), lo Spazio E (dal 2013). A Torino: la Galleria20 (2013/2014). A Ferrara, 2015-2016 la Camel Home Gallery. 

3. Tra gli spazi più prestigiosi che hanno ospitato mostre e progetti Zamenhof Art, nel corso degli anni, ricordiamo: Castel dell'Ovo a Napoli (2016), Palazzo Racchetta a Ferrara (2010-2015), Palazzo Zenobio a Venezia (2012), Castello di Carlo V a Lecce (2010, 2011, 2012), Castello Estense di Ferrara (2010), Pinacoteca Civica e Palazzina Liberty di Imperia (2009), Castello Malaspina di Massa (2010), Palazzo Guidobono a Tortona (2012)

 

Pur avendo talvolta (raramente) realizzato mostre o cataloghi di artisti storici o storicizzati (come ad esempio Mario Schifano o Riccardo Licata), l'attività di Zamenhof Art è rivolta principalmente alla promozione di artisti giovani o comunque emergenti, out-siders, selezionati sulla base della qualità e dell'originalità, senza nessuna indulgenza a fenomeni di moda, a ragioni di censo o a clientelismi: artisti che siano capaci di coniugare perizia di esecuzione tecnica e freschezza di idee, tradizione e avanguardia, radici culturali e originalità.

 

UN'IDEA DI ARTE CONTEMPORANEA CHIAMATA "ZAMENHOF ART"

 

" Il tempo delle Avanguardie è finito. Si è aperto con l’Impressionismo e si è chiuso con la Transavanguardia. Per oltre un secolo ogni nuova generazione di artisti ha cercato di smarcarsi dalla generazione precedente proponendo una nuova, differente idea di arte contemporanea. Ora tutto questo sembra non funzionare più. Il meccanismo pare inceppato. A partire dal discorso generazionale.

Il progetto espositivo ed editoriale che da anni risponde al nome di “Zamenhof Art” mette in luce proprio ciò, presentando, di volta in volta, in contesti diversi e con diversi abbinamenti e articolazioni, una nuova ‘generazione’ di artisti che anzichè inseguire il nuovo a tutti i costi, rinnegando il lascito delle generazioni precedenti, cerca piuttosto di definire un linguaggio comune per l’arte contemporanea, una sorta di “koinè”, facendo tesoro delle ‘invenzioni’ delle Avanguardie, attraverso un paziente, complesso, raffinato processo di sintesi e contaminazioni.

E una prova lampante che un certo ‘meccanismo’ sia saltato balena agli occhi di tutti se si sofferma l’attenzione, senza pregiudizi ideologici, su di un fatto concreto, tangibile, facilmente riscontrabile: da molti anni ormai si è annullato un qualsiasi significativo ‘scarto generazionale’. Non a caso nel selezionare opere e artisti per questo progetto che in definitiva mira a definire al meglio che cosa si intenda per ‘Post-Avanguardia’ si è dovuto sempre necessariamente prescindere da vincoli generazionali. 

Per la prima volta, da oltre un secolo a questa parte, artisti di tre generazioni differenti stanno uno accanto all’altro e parlano (più o meno) la stessa lingua. E ad ascoltarla con attenzione ci suona come una lingua nuova e antica allo stesso tempo: inaudita eppure riconoscibile. Originale ma decifrabile". (V.P.)

Eliza Winkler

Nata a Varsavia il 1 febbraio 1979, 

Dal gennaio 2021 collabora con la Vi.P.Gallery Valcamonica- Ass. Cult. Zamenhof Art, con sede a Niardo (BS) in via Nazionale, 35, occupandosi di allestimenti, organizzazione di eventi e pubbliche relazioni, sia della galleria in generale che del progetto multidisciplinare “Siamo Ancora Vivi!” che dai primi di marzo coinvolge numerose altre realtà della valle. Dal maggio 2021 è nominata vice-presidente della Associazione Culturale Zamenhof Art.

Nel 2020 fonda il Team DreamUnia e organizza l’evento “La Montagna Suona”: alle Foppe di Nadro in occasione dell’equinozio di autunno. Organizza corsi di sopravvivenza in collaborazione con l’associazione “Extreme adventure” di Brescia alle Foppe di Nadro nei mesi di luglio ed agosto e nel mese di settembre corsi di tecniche preistoriche per un gruppo di scrittori.

Sempre nel 2020 fonda il Gruppo di Rievocazione Storica “PTHA”, gruppo col quale organizza i seguenti eventi: ”La Danza del Cervo” (guida con performance teatral musicale) presso la Riserva Naturale delle Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo ad agosto.

Nell’ambito di una rievocazione storica presso Villa Torrigiani a Rezzato (BS) tiene laboratori didattici di tecniche preistoriche, nel mese di luglio col gruppo Ptha tiene corsi di creazione di Tamburo Sciamanico nei mesi di agosto e settembre presso la Riserva Naturale delle Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo.

Nel 2019 organizza l’evento “PaleoMasterchef”, gara di chef con tecniche preistoriche, in collaborazione con Franco Liloni, nel mese di settembre al parco di Nadro. Organizza nel dicembre l’evento “Gli dei del fuoco” in collaborazione con l'Archeologa Francesca Roncoroni: conferenza sullo studio e sulla ricostruzione di pugnali tipo Lovere creati dall'Associazione Del Borgo del Maglio di Ome, con donazione alla Riserva dei pugnali stessi, presso Riserva Naturale delle Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo. Organizza, cura e realizza “Gli abiti degli Dei. Storia dell’abbigliamento dal Paleolitico all’Età del ferro”, mostra personale con abiti ricostruiti per la rassegna “De bene e del bello” presso il Museo di Nadro, nel mese di ottobre. Da marzo a maggio tiene un corso di Ceramica Neolitica sempre presso il Museo di Nadro

Dal 2018 al 2020 si associa a L'Ontano Verde, associazione per la quale ricopre l’incarico di responsabile della didattica, e organizza eventi presso la Riserva Naturale delle Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo, visite guidate e laboratori didattici.

Nel 2018 per il Museo Marta di Taranto, nel mese di settembre, in occasione della mostra “Gli ori di Taranto”, in collaborazione con l’archeologo Francesco Cellamare, costruisce un forno in terra cruda per fusione del bronzo e didattica sulla fusione di ascia in stampo.

Nel 2017 presso la fiera “Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico” a Paestum, in provincia Salerno, in collaborazione con l’Associazione Lingones di Ferrara guida un gruppo di lavoro che realizza la ricostruzione della vita quotidiana dell'uomo preistorico in tutti i suoi aspetti, illustrazione in forma teatrale della vita da campo di una tribù preistorica e i suoi antichi mestieri: tessitura, medicina antica, lavorazione ossa, argilla, scheggiatura della selce, intreccio di fibre naturali, macina antica delle sementi, accensione del fuoco. In occasione della kermesse “Keltenwelt Frog” a Hochwald in Austria tiene dimostrazioni di costruzione di telaio e tessitura celtica.

Dal 2016 al 2019 collabora come consulente esterna con il CMP di Lugano evari altri studi di psicologi e centri olistici tra Lugano Milano, Brescia, Bergamo.

Nel 2016 e 2017 partecipa ai “Grands Jeux Romains” presso lìArena di Nimes in Francia come combattente nell’ambito di ricostruzioni storiche di combattimenti e interpreta Video Promo.

Nel 2016 nell’ambito dell’evento “Culture Keys – Le chiavi della cultura” presso lo IAL Emilia Romagna di Ferrara in collaborazione con docenti e archeologi della Terramara di Pilastri, realizza uno studio e una ricostruzione di 5 abiti dell'età del bronzo, scarpe, corona, fibule e spilloni in bronzo e ceramiche per la presentazione degli scavi.

Nel 2015 e 2016 presso il Museo Archeologico di Travo (Piacenza) tiene lezioni e dimostrazioni di archeotecnica: ricostruzione di medicamenti preistorici da piante autoctone, ed esegue performance teatrali. In occasione del “Paleofestival” a La Spezia, nel mese di giugno, realizza una ricostruzione di accampamento celtico (2015) e neolitico (2016), inoltre didattiche, erboristeria, musica preistorica, performance teatrali. Partecipa alla diretta televisiva della BBC “Hadrian's Wall Live” – Live dal Muro di Adriano in qualità di stuntman e combattente con performance teatrali.

Nel 2015 partecipa all’evento “Terramara in Tavola”a Pilastri (FE) realizzando una ricostruzione di campo storico di epoca del bronzo. Presso il sito archeologico culturale preistorico “Riparo Dalmeri” a Grigno (TN) esegue una performance teatrale a scopo divulgativo e pubblicitario.

Nel 2014 e 2015, in occasione dell’evento “Fuochi di Taranis” al Museo Civico Archeologico di Monterenzio (BO): ricostruzione e didattica di tecniche curative erboristiche e performance.

Collaborazione con l'Associazione Moro Eventi di Argenta (FE) nel ruolo di archeotecnica, responsabile didattica e coordinatrice gruppi di rievocazione storica.

Nel 2014 per “Antiche Vie, Antichi Sapori” presso Roccaraso (Aquila) allestisce una “mostra tattile” e una dimostrazione di cotture preistoriche. Nel mese di agosto per la rassegna “Historiae Volceianae” a Buccino (SA): realizzazione e presentazione di un termopolio ricostruito da reperto di Pompei e showcooking di ricette romane di Apicio. Partecipa a “Druidia” a Cesenatico guidando una ricostruzione di Legione e campo romano. Presso il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara partecipa all’evento “Echi del Tempo” con performance teatrali e intrattenimento. Alla Sagra dell'uva di Riolo Terme (RA), ricostruzione di Legione e campo romano

Dal 2013 al 2015 all’evento “Bundan” a Stellata di Bondeno (Ferrara): didattica sulle erbe curative e laboratori di macinatura farine showcooking, laboratori per adulti e bambini. Partecipa all’evento “I Natali di Roma”, organizzato da Gruppo Storico Romano, con performance teatrali e intrattenimento

Dal 2013 al 2019 sotto la supervisione di Maurilio Grassi si occupa di ideazione, coordinamento e realizzazione di eventi alla Riserva Naturale delle Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo, tra cui: la conferenza “ArcheoMeeting”, corsi ed eventi di tessitura, corsi di erboristeria, corsi di tecniche preistoriche, “Il Cibo degli Antichi” (riproposizione di ingredienti e possibili ricette preistoriche, ripetuto per più anni), l’evento “Samonios”, con performance teatrali e intrattenimento, evento ripetuto per più anni. Performance teatrali per la rassegna “Palcoscenici Verticali”.

Dal 2013 al 2016: promozione eventi, ricostruzione e didattiche presso le fiere “Armi e Bagagli” di  Piacenza, “Usi e Costumi” di Ferrara, e presso il Festival Irlandese di Milano e Bologna.

Dal 2012 al 2017 partecipa come stuntman e attrice a programmi di History Channel, Ulisse, Vikings, video promozionali per diverse realtà archeologiche e culturali, BBC, Telecolor, Rai2.

Dal 2010 al 2013, in occasione degli eventi di “Celtic's Days” a Ome (BS) è Co-Organizzazione di eventi, performance teatrali e combattimenti. Per l’evento “Assedio al Castello di Brescia” è Co-Organizzazione eventi, performance teatrali e combattimenti, didattica di miniatura medioevale.